Mese: ottobre 2018
 /   /  Mese: ottobre 2018
Ennesimo complotto contro gli italiani

Ennesimo complotto contro gli italiani

NewsPoliticaNo comments yet

di Giovanni Costenaro. La decadenza del dibattito pubblico in Italia al tempo dei social Vorrei condividere, con chiunque abbia voglia di leggerla, una (non) breve riflessione sullo stato del rapporto tra mondo intellettuale/scientifico e la cittadinanza italiana, rapporto che considero fondamentale per il processo di formazione di quell’opinione pubblica che costituisce una delle basi fondamentali

Read more
Riflessione sulla scuola, ad un mese dall’inizio dell’anno scolastico

Riflessione sulla scuola, ad un mese dall’inizio dell’anno scolastico

Istruzione & CulturaNewsNo comments yet

di Francesco Rocchi. Per una volta vorrei tralasciare discorsi tecnici e puntuali e provare piuttosto a fare un ragionamento di ordine generale sulla scuola. Lo riporto qui affinché le mie impressioni di insegnante possano magari essere vagliate da qualcuno che, psicologo o neurologo o altro tecnico della mente umana, sappia dirmi se hanno un qualche

Read more

Recent Comments

  • Interessante, me l'ero perso. Nel modenese non si parla che di bretelle, neanche potessero salvarci dalla perdizione. Francamente non vedo grossi cambiamenti in vista; stiamo solo insistendo a fare a bassissima velocità quello che facevamo con energia prima del 2009.

  • Dunque, in buona sostanza, la proposta è spingersi dove neanche la Buona Scuola ha osato: ancora più potere ai presidi, federalismo scolastico.... Nessuna risposta in merito al carattere ludocentrico dei neopedagogismi, alla panacea tecnologica, le vere cause della destabilizzazione della funzione docente ormai al servizio di quelli che la legge 107 definisce stakeholders, portatori di intetessi, ergo, clienti. Non ci sono più gli studenti: dunque, che senso ha rispettare gli insegnanti? Dare più poteri ai presidi, alle province e ai comuni che cosa risolverebbe? È una mentalità che deve cambiare. Galli della Loggia ha senz'altro esagerato, ma chi ha frequentato la scuola quando era seria, fa fatica a vedere lo scempio attuale.