Al ragazzo di Acqua di Frogi
 /  Diritti & Società / News / Al ragazzo di Acqua di Frogi
Al ragazzo di Acqua di Frogi

Al ragazzo di Acqua di Frogi

di Cristiana Alicata.

Gaypost ieri mi ha segnalato Questo post relativo ad un video di qualche anno fatto da un ragazzo del PD e degli amici fortemente omofobo. La mia prima reazione è stata di rabbia (soprattutto perché arriva dopo una sfilza di gaffes di pezzi grossi su molti temi su cui il PD non dovrebbe mai sbagliare) e ho desiderato he il ragazzo lasciasse il PD o venisse espulso. Poi ci ho dormito su e soprattutto ho letto le cose che ha scritto quel ragazzo tra cui che si dichiara favorevole al matrimonio egualitario e che lui stesso aveva cancellato quel video perché lo ha considerato sbagliato.

Per fortuna le fobie tra cui omofobia possono passare. Tutti noi (più o meno) siamo stati omofobi. Lo siamo stati perché non ci accettavamo, per paura di esserlo, qualcuno per ignoranza, perché lo storytelling dei modelli era fortissimo quando eravamo piccoli. Perché le favole erano tutte con un maschio e una femmina e non c’era posto per niente altro. Lo siamo stati (uso il plurale maiestatis per comodità, per includerci tutti) con i maschi effeminati, con le trans, con le lesbiche rasate e la faccia incazzata e con quelle troppo femmine che possono nasconderlo tranne in camera da letto. Può capitare di essere stati omofobi e poi di avere capito che era sbagliato e che sì, un video intitolato “Acqua di Frogi” con relativo backstage e confusione tra identità di genere e orientamento sessuale può fare male ai giovani più fragili, a chi sta inseguendo la propria identità e sì, può uccidere. Può isolare. Può fare ammalare e può uccidere.

Caro Fabio Ragni solo tu adesso puoi dirci se non sei omofobo. Noi possiamo dire che il tuo video di tre anni fa era omofobia. Eh sì una bravata come quella è esattamente l’omofobia che può far male. Ma se tu ci dici che hai capito e sarai accanto a noi a combattere l’omofobia (che per me significa essere favorevoli al matrimonio e pensare che due persone omosessuali possono crescere un figlio sano) per me sei il benvenuto nel PD.
P.s. Detesto i linciaggi, ne ho vissuto uno, mi sono dimessa e ho pagato caro tempo fa una frase maldestra che descriveva un fenomeno vero con parole sbagliatissime. Si può sbagliare ma quando si fa politica si deve pagare e ricominciare da capo, abbiamo (dovremmo avere) un dovere in più: quello di essere esempio e guida e di ridare alla politica il senso alto del servizio e non della corsa alla poltrona.

 

iMille.org – Direttore Raoul Minetti
Condividi:

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked.*

Recent Comments

  • "occorre investire in tecnologie e pratiche economico – industriali che rallentino l’uso di fonti fossili " Kitegen! Fate funzionare il Kitegen! Funzionava già nel 2011 [1], perché è stato nascosto?: "... All’idea originaria sono seguiti 10 anni di ricerche scientifiche e tecnologiche, culminati con la realizzazione di alcuni prototipi industriali, funzionanti da oltre un anno, che producono effettivamente energia a piccola scala (circa 0,5-1 MW)]. L’EROEI ottenibile con questa tecnologia è stimato in circa 30 volte quello dell’eolico tradizionale (torri eoliche) ..." Siccome poco sopra si legge che "l’EROEI degli impianti di energia eolica in Italia è valutato intorno a 20", Kitegen deve avere EROEI circa seicento; è pazzesco che impianti funzionanti Già cinque anni fa non siano diffusi a centinaia! Ed è folle che non si sappia con quale potenza siano stati prodotti 0,5-1 MW di energia! Ci deve essere qualcosa di marcio in questa vicenda. ----------------- 1: http://archivio.imille.org/2012/12/leroei-lingegno-italiano-ed-il-futuro-energetico-mondiale/