docenti
 /  docenti
Proposte sparse sulla scuola

Proposte sparse sulla scuola

Istruzione & CulturaNewsNo comments yet

di Francesco Rocchi. Ricominciamo a parlare di scuola, senza perdere troppo tempo e lanciando subito qualche sfida chiara al governo. Ci sono dei problemi che vanno risolti, e spesso sono problemi antichi. La lunga teoria di riforme mancate o depotenziate può indurre al pessimismo, ma c’è poco da fare: come dimostra la recente inchiesta  (link)

Read more
Non faro’ il concorso a preside

Non faro’ il concorso a preside

Istruzione & CulturaNews2 comments

di Francesco Rocchi. Si è appena chiuso il bando per il nuovo concorso a preside, a lungo atteso. Io non ho presentato la domanda, pur avendo i requisiti minimi. Non ci ho pensato nemmeno a lungo: io il dirigente scolastico non lo voglio fare, almeno per molti anni ancora. Considerando che, nel caso ce l’avessi

Read more
Perche’ la chiamata diretta ha fallito. E perche’ e’ inutile

Perche’ la chiamata diretta ha fallito. E perche’ e’ inutile

Istruzione & CulturaNewsNo comments yet

di Francesco Rocchi. La prima parte di questo articolo cerca di fare i conti della serva sui trasferimenti dei docenti italiani del 2017. Sono ragionamenti necessari, ma se si vuole capire perché un’idea buona  e innovativa come la chiamata diretta sia inutile, bisogna andare alla seconda. Prima parte Da qualche giorno hanno cominciato a circolare

Read more

Recent Comments

  • Interessante, me l'ero perso. Nel modenese non si parla che di bretelle, neanche potessero salvarci dalla perdizione. Francamente non vedo grossi cambiamenti in vista; stiamo solo insistendo a fare a bassissima velocità quello che facevamo con energia prima del 2009.

  • Dunque, in buona sostanza, la proposta è spingersi dove neanche la Buona Scuola ha osato: ancora più potere ai presidi, federalismo scolastico.... Nessuna risposta in merito al carattere ludocentrico dei neopedagogismi, alla panacea tecnologica, le vere cause della destabilizzazione della funzione docente ormai al servizio di quelli che la legge 107 definisce stakeholders, portatori di intetessi, ergo, clienti. Non ci sono più gli studenti: dunque, che senso ha rispettare gli insegnanti? Dare più poteri ai presidi, alle province e ai comuni che cosa risolverebbe? È una mentalità che deve cambiare. Galli della Loggia ha senz'altro esagerato, ma chi ha frequentato la scuola quando era seria, fa fatica a vedere lo scempio attuale.