Mese: agosto 2018
 /   /  Mese: agosto 2018
Care famiglie, vi dico cosa vuol dire sospendere i concorsi a scuola e tornare alle graduatorie permanenti

Care famiglie, vi dico cosa vuol dire sospendere i concorsi a scuola e tornare alle graduatorie permanenti

Istruzione & CulturaNewsNo comments yet

di Francesco Rocchi. Il nuovo corso presso il MIUR non è stato per ora entusiasmante. Dopo qualche timido segnale iniziale che poteva sembrare positivo, la risacca clientelare voluta dalla Lega è rifluita ricoprendo più o meno tutto. Il ritorno ai cari, vecchi metodi della gestione bottegaia della scuola e dei suoi lavoratori è tanto netto

Read more
The European agenda for gender equality and women’s empowerment in Third World countries

The European agenda for gender equality and women’s empowerment in Third World countries

di Rosanna Accettura. Equality between men and women is one of the core values of the European Union (EU) as well as one of its objectives and it is enshrined in its legal and political framework. As a matter of fact, the Lisbon Treaty explicitly refers to ‘equality between women and men’ as a constitutive

Read more

Recent Comments

  • Interessante, me l'ero perso. Nel modenese non si parla che di bretelle, neanche potessero salvarci dalla perdizione. Francamente non vedo grossi cambiamenti in vista; stiamo solo insistendo a fare a bassissima velocità quello che facevamo con energia prima del 2009.

  • Dunque, in buona sostanza, la proposta è spingersi dove neanche la Buona Scuola ha osato: ancora più potere ai presidi, federalismo scolastico.... Nessuna risposta in merito al carattere ludocentrico dei neopedagogismi, alla panacea tecnologica, le vere cause della destabilizzazione della funzione docente ormai al servizio di quelli che la legge 107 definisce stakeholders, portatori di intetessi, ergo, clienti. Non ci sono più gli studenti: dunque, che senso ha rispettare gli insegnanti? Dare più poteri ai presidi, alle province e ai comuni che cosa risolverebbe? È una mentalità che deve cambiare. Galli della Loggia ha senz'altro esagerato, ma chi ha frequentato la scuola quando era seria, fa fatica a vedere lo scempio attuale.