Mese: febbraio 2018
 /   /  Mese: febbraio 2018
Quale Europa? Storia dell’integrazione europea nel pensiero del PCI

Quale Europa? Storia dell’integrazione europea nel pensiero del PCI

Europa & MondoNewsPoliticaNo comments yet

di Calogero Laneri. Il Partito comunista italiano è senza alcun dubbio una delle forze politiche europee più indagate dalla storiografia internazionale e tale interesse è spiegabile alla luce delle peculiarità che ne hanno caratterizzato la storia: l’essere stato il più grande partito comunista del mondo occidentale e contemporaneamente la forza egemone della sinistra italiana. Se

Read more
A che serve il voto all’estero?

A che serve il voto all’estero?

NewsPoliticaNo comments yet

di Giovanni Faleg. Giovanni Faleg Candidato alla Camera dei Deputati nella ripartizione America settentrionale e Centrale (Partito Democratico) Segretario del Circolo PD di Washington, DC Ex Consulente alla Banca Mondiale e Ricercatore al Centre for European Policy Studies   Caro Direttore, Ci stiamo avvicinando a nuove elezioni in un clima di grande confusione, tra richiami

Read more
Elezioni 2018: 3 domande a Massimo Ungaro

Elezioni 2018: 3 domande a Massimo Ungaro

Europa & MondoNewsNo comments yet

di Raoul Minetti. iMille partecipano al dibattito pubblico su temi sociali ed economici in preparazione alle elezioni del 4 marzo pubblicando dialoghi con giovani candidati. Questo nello spirito di rivista di policy dedita all’approfondimento dei problemi sociali ed economici del Paese. Eventuali segnalazioni di candidati possono essere inviate per email alla nostra redazione. Massimo Ungaro

Read more
Bitcoin, la fabbrica dei soldi … e lo spreco dell’energia.

Bitcoin, la fabbrica dei soldi … e lo spreco dell’energia.

Economia & LavoroEnergia & AmbienteNews1 comment

di Giancarlo Abbate. Si parla molto dei bitcoin, delle criptovalute in generale, e, naturalmente, vi sono alcuni strenui fautori e alcuni strenui oppositori della moneta virtuale e, nel mezzo, la stragrande maggioranza che fa fatica a capire cosa è o lo ignora completamente. Io ho cercato di guardarci (un po’) dentro. Questo articolo non ha

Read more
Giovanni Malagodi: ristabilire il nesso tra l’Italia e l’Europa

Giovanni Malagodi: ristabilire il nesso tra l’Italia e l’Europa

Europa & MondoNewsNo comments yet

di Laura Tombolelli. In un momento in cui i sentimenti europeisti sembrano essere violentemente soggiogati dai movimenti separatisti, dobbiamo guardare nel passato e valutare il pensiero e le azioni di coloro che hanno dedicato la loro vita alla costruzione di un’Europa unificata. Pertanto ci renderemo conto che le loro aspettative sono state disattese rispetto a come quest’ultima

Read more
La lettera aperta degli ex studenti del Visconti

La lettera aperta degli ex studenti del Visconti

Istruzione & CulturaNews2 comments

Pubblichiamo la lettera aperta degli ex studenti del Liceo Visconti, dopo le recenti polemiche sulla scheda di autovalutazione del liceo. Come ex-studenti del liceo Visconti di Roma, e come parte della società civile e del mondo del lavoro, rigettiamo le affermazioni contenute nella scheda di autovalutazione del liceo, secondo le quali tra l’altro il fatto

Read more
Licei italiani. La diversita’ e’ una ricchezza

Licei italiani. La diversita’ e’ una ricchezza

Istruzione & CulturaNewsNo comments yet

di Francesco Rocchi.  Il tema dell’elitismo dei licei classici italiani è assai dibattuto praticamente da sempre. Ora i rapporti di Scuola in Chiaro, ampiamente enfatizzati in questi giorni dalla stampa, sembrano aver finalmente trovato la pistola fumante del classismo liceale. Ma è vero? In parte sì e in parte no, quindi sarà meglio fare chiarezza.

Read more

Recent Comments

  • Interessante, me l'ero perso. Nel modenese non si parla che di bretelle, neanche potessero salvarci dalla perdizione. Francamente non vedo grossi cambiamenti in vista; stiamo solo insistendo a fare a bassissima velocità quello che facevamo con energia prima del 2009.

  • Dunque, in buona sostanza, la proposta è spingersi dove neanche la Buona Scuola ha osato: ancora più potere ai presidi, federalismo scolastico.... Nessuna risposta in merito al carattere ludocentrico dei neopedagogismi, alla panacea tecnologica, le vere cause della destabilizzazione della funzione docente ormai al servizio di quelli che la legge 107 definisce stakeholders, portatori di intetessi, ergo, clienti. Non ci sono più gli studenti: dunque, che senso ha rispettare gli insegnanti? Dare più poteri ai presidi, alle province e ai comuni che cosa risolverebbe? È una mentalità che deve cambiare. Galli della Loggia ha senz'altro esagerato, ma chi ha frequentato la scuola quando era seria, fa fatica a vedere lo scempio attuale.