Il fascino del reddito di cittadinanza

di Corrado Truffi.

 

Sound trigger shooting test#1 by Gian Luigi Perrella

 

La proposta di reddito di cittadinanza – o meglio sarebbe dire reddito di base, basic income – è all’ordine del giorno del dibattito politico economico tanto in Italia che in Francia. Peraltro, il basic income continua ad essere proposto un po’ dovunque come la panacea al problema della povertà.

In Italia di reddito di cittadinanza ne parla il movimento 5 stelle, anche se in modo confuso e ambiguo, più come slogan che come proposta reale. In Francia, il candidato socialista Hamon ne aveva fatto inizialmente un elemento caratterizzante della sua proposta, che sembrava potesse rivoluzionare gli schemi di una campagna elettorale tutta in salita. Poi, probabilmente costretto dalle obiezioni “realiste” del suo stesso partito, ha annacquato alquanto la sua proposta. Forse anche per questo, anche se certamente non solo per questo, la sua candidatura ha perso smalto ed è stata cannibalizzata dal più estremista – ma molto più tradizionale quanto a proposte di sinistra – Melanchon.

Entrambi i casi hanno, mi sembra, un tratto comune: si parte con la proposta nella sua purezza (un reddito di base uguale per tutti, a prescindere dal reddito e condizione lavorativa, non legato alla prova dei mezzi e distribuito a prescindere, per il solo fatto di essere cittadini) e poi, di fronte alle obiezioni e ai vincoli di bilancio, se ne offre una versione più o meno provvisoria, limitata ai soli poveri, da far crescere progressivamente.

Il fatto è che l’idea del basic income è affascinante per la sua semplicità, poiché promette di risolvere con un unico strumento generalizzato praticamente tutti i problemi dello stato sociale. Come non esserne attratti?

Dunque vediamo di capire quanto il basic income possa essere una buona soluzione, cominciando a descriverlo nella sua configurazione fondamentale, evidenziandone la coerenza con diversissimi approcci di politica economica e, infine, verificando la qualità delle critiche correnti a quella soluzione.

In estrema sintesi, l’idea è dare un reddito minimo di sussistenza a chiunque, finanziandolo con la fiscalità generale. Si tratta, in pratica, di un’imposta negativa per basse fasce di reddito, che viene poi di fatto compensata dalla normale imposizione sul reddito nelle fasce più alte. È peraltro ovvio che se una persona, ad esempio, perde il lavoro e quindi il reddito, si troverà immediatamente a godere dei proventi dell’imposta negativa, ossia del basic income.

Caratteristica fondamentale dello strumento è la sua totale mancanza di condizionalità: per funzionare, secondo i suoi teorici, non deve essere legato a nessuna condizione, ma solo alla cittadinanza (incidentalmente, è per questo che tutte le interpretazioni politiche che partono in quarta con la definizione di “reddito di cittadinanza” e poi propongono di limitarne l’accesso, in genere per motivi finanziari, ai soli “poveri”, perdono completamente di forza e si confondono con mille altre “normali” proposte di welfare).

Altra caratteristica essenziale della proposta è che essa è destinata a sostituire, soprattutto nell’ipotesi che il livello dell’imposta negativa sia posto abbastanza in alto (diciamo attorno o poco sotto i 1.000 euro), praticamente qualsiasi altra politica sociale, con la sola esclusione dell’assistenza sanitaria e dell’istruzione. Con il basic income non servono più politiche specifiche di aiuto ai poveri, politiche differenziate di aiuto – ad esempio – alle ragazze madri, né tanto meno sussidi di disoccupazione o cassa integrazione. Tutto si realizza con un solo semplice strumento universale, risparmiando quindi complesse burocrazie statali e sostituendo lo “stato provvidenza” con un sussidio monetario uniforme e per definizione equo.

Non a caso, il basic income affascina tanto i liberisti teorici dello stato minimo (e infatti una delle prime proposte è quella di Milton Friedman), quanto chi, a sinistra, vede in esso i presupposti per una sorta di liberazione dal lavoro sfruttato, se non altro perché, si sostiene, grazie a questo strumento la forza contrattuale dei lavoratori, senza più il ricatto della perdita del reddito, sarebbe immediatamente aumentata.

Il problema del finanziamento del basic income, secondo i suoi promotori, è più illusorio che reale. Si sostiene, infatti, in primo luogo che lo strumento consentirebbe di ridurre drasticamente le spese statali per gran parte del welfare attuale (sia perché sostituirebbe parte dei sussidi attualmente erogati in varie forme, sia perché consentirebbe di ridurre la dimensione delle burocrazie statali necessarie a gestire e controllare le diversissime tipologie di welfare esistenti). In secondo luogo, la proposta prevede comunque un sistema di aliquote sul reddito e sulla ricchezza progressive, in modo da garantirne il finanziamento. In fondo, si tratterebbe di una sia pur colossale e decisa redistribuzione dei redditi.

Veniamo agli aspetti sociali. Due sono le obiezioni più evidenti:

  • dare soldi alle persone senza chiedere nulla in cambio incentiva a non cercare un lavoro e genera quindi una classe di poveri assistiti e privi di motivazioni;
  • il tasso di attività scenderebbe, dato che molti non avrebbero incentivi solidi a lavorare, e questo nel medio periodo renderebbe la società più povera e insostenibile lo stesso meccanismo del reddito di cittadinanza.

Ad entrambe le obiezioni, i teorici del basic income oppongono un ragionamento contrario, in parte anche suffragato dall’evidenza di alcuni limitati esperimenti sociali di adozione del reddito di cittadinanza. In breve, l’obiezione dice che, contrariamente all’opinione prevalente, legare l’erogazione di un reddito da parte dello Stato alla disponibilità ad accettare un lavoro, provoca esattamente la tendenza a non lavorare che tale meccanismo tenta di combattere: infatti, accettare un lavoro poco pagato – come quasi sempre accade ai drop-out e a chi è in difficoltà – significa appunto perdere il sussidio, in cambio semplicemente di una vita peggiore e senza significativi vantaggi economici. Viceversa, se il sussidio – il basic income – fosse garantito comunque, l’incentivo a lavorare per aumentare il proprio reddito non sarebbe limitato da alcuna considerazione opportunistica.

Si può aggiungere, poi, il vantaggio “politico” che si avrebbe in questa situazione: è presumibile che i lavoratori sarebbero più selettivi nell’accettare lavori poveri e sfruttati, e tenderebbero a cercare occupazioni più creative. Ciò, peraltro, sarebbe un’ottima cosa in un modo nel quale i lavori ripetitivi saranno sempre più sostituiti dalla robotica.

E qui veniamo, infatti, all’ultima e forse principale, in questo momento, giustificazione del basic income, che è quella che era più insistentemente proposta da Hamon o, qui in Italia, da sociologi come Domenico De Masi: l’idea che il lavoro stia sostanzialmente scomparendo a causa della spinta all’automazione e della diffusione pervasiva della robotica. La disoccupazione tecnologica, da fenomeno sempre risolto con la nascita di nuovi lavori che andavano a sostituire quelli obsoleti, sarebbe ormai un destino in quanto l’automazione tende a sostituire non solo le attività manuali e meccaniche ma anche, grazie all’intelligenza artificiale, le attività intellettuali ed i servizi alla persona. Lo spostamento della forza lavoro dall’agricoltura all’industria, dall’industria ai servizi, sarebbe arrivata al capolinea. Questo implica che i redditi si concentrano, che il lavoro scompare, e che l’unica soluzione è tassare i robot per finanziare un reddito di esistenza universale.

Tiriamo le somme. Che mondo sarebbe quello con un reddito di sussistenza? Ammettiamo, ai fini del nostro discorso, che i sostenitori del basic income abbiano ragione dal punto di vista della sostenibilità fiscale della proposta. Se la sostenibilità economica fosse effettivamente assicurata, si avrebbe un mondo decisamente più tranquillo, tra l’altro probabilmente con meno criminalità? Con lavoratori più soddisfatti e motivati, resi tranquilli dalla certezza di non dover accettare qualunque lavoro?

La soluzione sembra davvero affascinante ma, come tutte le soluzioni globali, omnicomprensive e apparentemente semplici, mi viene sempre il sospetto che ci sfugga qualcosa di importante. Infatti, qualche contraddizione c’è, e qualche dubbio viene.

Prima contraddizione: non si possono indicare come motivazioni positive per l’adozione del basic income contemporaneamente la disoccupazione tecnologica e la maggiore libertà del lavoratore di scegliersi l’impiego che preferisce. O il reddito di sussistenza è un modo per rispondere alla scomparsa del lavoro (un’altra versione delle Possibilità economiche per i nostri nipoti di Keynes), oppure serve per aiutare il lavoro.

Seconda contraddizione. Disporre di un reddito di esistenza assicurato dallo Stato renderebbe i lavoratori contrattualmente più forti? Da un certo punto di vista, può darsi. Tuttavia, non ci sarebbe alcun motivo per il quale il livello dei salari non dovrebbe, in realtà, scendere a causa dell’esistenza del reddito di esistenza. Se tutti i datori di lavoro scontano i – diciamo, per restare nell’esempio fatto sopra –1.000 euro comunque disponibili per ciascun lavoratore, per quale motivo dovrebbero offrire stipendi sufficienti di per sé a garantire un buon reddito? In altri termini, non è affatto detto che il reddito di esistenza assicurerebbe una maggiore forza contrattuale ai lavoratori o, per lo meno, non è detto che il livello dei salari resterebbe quello attuale.

Terza contraddizione: la trappola della povertà ha due vie, non solo quella contestata dai supporter del basic income. È vero che se lo Stato fornisce un sussidio condizionato dall’accettazione di un lavoro, deve fare in modo che chi percepisce il sussidio non abbia convenienza ad adottare comportamenti opportunistici per mantenerlo. Ciò, tipicamente, si fa imponendo regole che comportino l’accettazione obbligatoria del lavoro, che è un metodo indubbiamente con qualche tratto autoritario e paternalistico. Ma si possono anche adottare modelli che graduino i sussidi in funzione delle situazioni, i quali tuttavia richiedono la disponibilità di buone informazioni fiscali e una amministrazione attenta e vicina al cittadino. Però, è anche vero che la soluzione del sussidio incondizionato riduce sicuramente almeno per parte della popolazione la propensione al lavoro. Proviamo a immaginare le famiglie in difficoltà, con pochi mezzi, le persone non qualificate e senza prospettive: è molto probabile che resteranno a lungo, o per sempre, in questa trappola della povertà. L’idea del reddito di esistenza, infatti, se presa sul serio e proprio per essere sostenibile finanziariamente, prevede sì l’aiuto monetario, ma nessun aiuto attivo da parte dello Stato, non percorsi formativi, non tentativi di recupero alla vita attiva.

Questo è, a mio modo di vedere, il punto dolente maggiore dell’idea: il reddito di cittadinanza potrebbe tramutarsi in un infernale meccanismo di solitudine: lo Stato si ritira, forse conscio del fatto che uno Stato provvidenza, occhiuto e interventista, non è più possibile – o forse solo perché nessuno ha più il coraggio e la forza di continuare a sostenere la moralità del welfare. Tutto viene affidato a un trasferimento monetario automatico, e le persone sono lasciate sostanzialmente sole, sia pur con un po’ di soldi. In questa accezione, il reddito di cittadinanza è perfettamente coerente con l’idea liberista dello Stato minimo.

Torniamo quindi, in questo modo, al punto di partenza. Proprio durante la redazione di questo articolo mi è capitato di leggerne un altro, scritto da Laura Pennacchi su l’Unità, tutto teso a immaginare una politica di investimenti pubblici keynesiani volti anche alla creazione diretta di lavoro da parte dello Stato. Una proposta di sinistra radicale, inserita fra quelle che Andrea Orlando vorrebbe introdurre come nuovo approccio politico del PD. Come si vede, l’esatto opposto dell’approccio del reddito di cittadinanza: la sinistra lavorista continua a pensare che il lavoro debba esser il centro dell’esistenza umana, ma esprimendo ricette che sanno di antico.

Conclusioni? Difficile essere definitivi su questo argomento, anche se immaginare sperimentazioni un po’ fantasiose su vasta scala mi sembra abbastanza preoccupante. Credo valga la pena di continuare a ragionarci, seguendo in particolare due possibili tracce. In primo luogo, tentare di capire quanto fondamento abbia la profezia della fine del lavoro per via robotica e, in secondo luogo, allargando lo sguardo ad altri aspetti connessi alla faccenda, e in particolare a due concetti, l’importanza dei beni comuni e la reale valutazione delle esternalità negative della produzione, che potrebbero consentire di inquadrare tutta la questione in una luce nuova, come suggeriva a suo tempo in modo un po’ spericolato Peter Barnes. Temi per prossimi articoli.

Riferimenti:

Una buona perorazione della causa del basic income si trova qui: https://www.weforum.org/agenda/2017/01/why-we-should-all-have-a-basic-income/

Inoltre, c’è questa pubblicazione su Medium dove si trovano appassionati, studiosi e fanatici della proposta: https://medium.com/basic-income. Consiglio in particolare questo: https://medium.com/basic-income/basic-income-as-seed-funding-for-humanity-a794fd667d28

 iMille.org – Direttore Raoul Minetti

Nessun commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento su questo articolo !

Lascia un commento

Subscribe without commenting

Condivisioni