Jo Cox Laureates White Paper. Per un’ Europa unita e migliore

di Raoul Minetti.

european union colours

european union colours

In occasione delle celebrazioni dei 60 anni dei Trattati di Roma, e in un momento storico così delicato e importante come quello che stiamo vivendo, il gruppo Jo Cox Laureates ha deciso di raccogliere i messaggi fondamentali contenuti nelle loro tesi di laurea (premiate a Roma a fine gennaio) e soprattutto i loro suggerimenti di policy in un White Paper. Si tratta di un documento che unisce studi in temi diversi – dalla politica monetaria al commercio internazionale, passando per il ruolo dell’Europa nel conflitto israelo-palestinese e per le politiche migratorie dell’Unione.

Il fil rouge che li lega è uno sguardo lucido, disciplinato dal metodo scientifico, nel guardare alle straordinarie conquiste dell’Unione Europea, ma anche un dichiarato intento di proporre sviluppi e prospettive, riconoscendo nell’Unione un progetto in itinere che si prefigge ancora molti importanti obiettivi da raggiungere.

Il contributo che i Jo Cox Laureates vogliomo offrire con questa raccolta di saggi è qualcosa che va oltre la celebrazione dell’Unione e anche oltre la commemorazione della deputata britannica Jo Cox, i cui valori li hanno ispirato ed unito. È piuttosto un tassello di quella nuova Europa di cui tutti parlano ma che ancora facciamo fatica a costruire: un’Europa dei cittadini, che include, accoglie e valorizza le idee, la conoscenza, i saperi.

Il documento è liberamente disponibile al link qui sotto riportato, in lingua inglese, affinché ogni cittadino europeo, e non solo, possa leggerlo, comprenderlo, rifletterci. Ed è proprio un momento di riflessione, quello che i Jo Cox Laureates cercano di offrire, al di là di facili slogan, con la proposta di soluzioni concrete a fenomeni complessi. Perché è questa la vera sfida dell’Unione Europea, e i cittadini europei premiati vi vogliono in prima persona riporre tutto il proprio impegno di giovani studiosi.

iMille.org – Direttore Raoul Minetti

1 Commento

  1. Giuseppe Caizzi

    Ottima idea, ma traducetela in Italiano. Grazie.

Lascia un commento

Subscribe without commenting

Condivisioni