Voglio la ricevuta

Ospitiamo questo invito dagli ideatori dell’iniziativa (che sono dei millini).

Evasione fiscale, problema annoso e irrisolto in Italia. Per chi può evadere la tentazione è spesso troppo forte, e i rischi troppo bassi. D’altra parte, le aliquote – considerando sia le tasse vere e proprie che i contributi vari – sono effettivamente molto alte, e se tutti dovessero, da un giorno all’altro, pagare tutte le tasse probabilmente l’economia italiana non ne uscirebbe viva.

La situazione attuale, però, è troppo ingiusta: con la scusa delle tasse troppo alte, c’è chi si compra yacht e ville al mare, magari pagando meno tasse dei propri dipendenti. Sempre più persone – specialmente lavoratori dipendenti e “professionisti” con committente unico – non sono più disposte a sopportare. Ma cosa si può fare?

Alle soluzioni miracolose noi crediamo poco. Le iniziative legislative sono fuori dalla nostra portata immediata. Intanto però non bisogna per forza stare con le mani in mano. Anche i cambiamenti più difficili cominciano da un primo passo, e le nuove tecnologie offrono molte occasioni per innovare anche dove sembra impossibile.

E’ con questo spirito che abbiamo pensato a www.vogliolaricevuta.it, un sito dove sarà possibile trovare professionisti ed artigiani che fanno sempre la ricevuta e vogliono pubblicizzare questo fatto. Le “pagine gialle degli onesti”, se volete.

Per ora vogliamo solo verificare se ci sono le basi per realizzare l’idea: dipende da quanto interesse suscita. Se sei interessato, faccelo sapere commentando questo articolo, dicendo Mi piace su facebook, e girando la voce a tutti i tuoi amici e conoscenti.

Le risorse tecniche ce le metteremo noi, ma solo se ci saranno abbastanza adesioni. Quanti sono quelli che vogliono sempre la ricevuta?iMille.org – Direttore Raoul Minetti