20 milioni di euro

Strawberry fish by Einan

di Chiara Lalli

L’innovazione, come la tradizione, non è di per sé moralmente connotata. Significa solo che qualcosa di nuovo è stato scoperto, inventato o reso disponibile per un qualche uso. C’è innovazione e innovazione, proprio come c’è tradizione e tradizione: alcune sono moralmente ripugnanti, alcune sono ammissibili. Il fatto di essere in un certo modo da tanto tempo o da oggi non ci permette di inferire nulla sullo spessore morale.

Senza dubbio l’innovazione ha un legame forte con la ricerca scientifica. E qui arriviamo a un nodo doloroso. Perché negli ultimi anni, sempre più brutalmente, abbiamo assistito a tagli impietosi dei fondi destinati alla ricerca. Abbiamo assistito agli appelli più accorati, sguaiatamente ipocriti, e alle giustificazioni più strappalacrime: questo sacrificio sarebbe necessario per il bene del Paese, un po’ come quando si chiedeva di consegnare le fedi d’oro in tempo di guerra.

Ed ecco che 20 milioni di euro, più il medievale Castello dei Monteroni riportato a nuovo, vengono promessi a un progetto che di scientifico ha solo l’apparenza per quanti sono in grado di vedere.

È difficile dire se a impressionare di più siano i 20 milioni di euro stanziati o le immagini della conferenza stampa durante la quale la Fondazione dei diritti genetici annuncia la neonata avventura. Gianni Letta, sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, Nichi Vendola, governatore della Regione Puglia, Vincenzo Tassinari, presidente di Coop Italia, Enzo Paliotta, sindaco di Ladispoli. Nel programma era atteso anche Gianni Alemanno, sindaco di Roma.

O i sostenitori istituzionali della iniziativa: “Per la realizzazione del progetto è stato firmato un protocollo d’intesa tra la Fondazione diritti genetici, i ministeri per i Beni Culturali, Istruzione, Università e Ricerca, Ambiente, Politiche Agricole, Sviluppo Economico, Affari Esteri, Politiche europee, la presidenza del Consiglio del Consiglio dei ministri, le Regioni Lazio e Puglia e il Comune di Roma”.

I presenti sono entusiasti ma forse hanno saltato tutte le lezioni di biologia e non hanno mai avuto la curiosità né il senso del dovere di informarsi. E non sono intervenuti come singoli cittadini, ma come rappresentanti istituzionali, e si sono accordati per stanziare venti milioni di euro a beneficio della fondazione dei diritti genetici. Tutti d’accordo in una bucolica armonia in cui le appartenenze non contano più, ma prevale il pregiudizio. Tutti d’accordo nel ricoprire d’oro qualche cortigiano mentre gli altri consegnano le fedi.

GenEticaMente e la fragola-pesce

Il programma si chiama GenEticaMente e ambisce ad essere, come specificato nel sottotitolo, di sviluppo e di innovazione. Il contenuto è nebuloso e dubbio. Mario Capanna è senza dubbio abile nel presentare i suoi progetti intrisi di ignoranza, paura e catastrofismi mascherati da “innovazione buona”, perché è a favore della ricerca scientifica, ma quella che dice lui e secondo i criteri che gli paiono. In fondo la ricerca è “partecipata” (“Roma capitale euro-mediterranea della ricerca scientifica partecipata” si legge subito sotto al titolo), secondo lui, e tutti possono partecipare, anche se non capiscono la differenza tra un gene e una zappa. La scienza è meravigliosamente democratica, in quello stravolgimento ridicolo che pretende di considerare sullo stesso piano l’evoluzionismo e il creazionismo. Ecco, Capanna è come il creazionista che strepita e pretende di possedere la Verità garantita da dogmi insondabili. È come chi pretende di inserire il creazionismo nelle ore di scienze.

Quel Mario Capanna che giura di avere assaporato la fragola-pesce – o forse è schifato, ma almeno lui l’ha assaggiata e siamo tutti invidiosi perché nessuno di noi l’ha nemmeno mai vista.

Il malumore, sebbene lungi dall’essere quello sufficiente a scalzare definitivamente simili pagliacciate, della comunità scientifica comincia a sentirsi. La Federazione Italiana di Scienze della Vita protesta in un comunicato stampa. Anche Salmone.org protesta e chiede di sostenere la ribellione. Gilberto Corbellini su Il Sole 24 Ore di domenica scorsa definisce il piano come un “ritorno della politicizzazione della biologia del sovietico Lysenko”. Questo clima deve avere infastidito Capanna. La sua ira si è rivolta soprattutto contro l’Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani (ANBI) e il suo presidente Simone Maccaferri, che il 31 gennaio aveva mandato una lettera aperta di protesta a nome dei biotecnologi italiani. Il 4 febbraio Giordano Masini risponde alla richiesta di “scuse formali e minacciare azioni legali nei confronti di “tutti coloro che propaleranno” la lettera-appello che l’ANBI ha rivolto alle istituzioni coinvolte a diverso titolo nel progetto di ricerca”. Intanto i senatori radicali hanno presentato una interrogazione parlamentare. La saga proseguirà senza dubbio. E questo è solo l’inizio.iMille.org – Direttore Raoul Minetti

10 Commenti

  1. oltre all’aspetto finanziamenti (non si sa quanti saranno fondi pubblici dei 20 milioni annunciati, ma temo tanti) c’è un aspetto decisamente inquietante in questa vicenda.
    è il punto di arrivo di una “guerra santa” anti ogm che mette insieme soggetti diversi come provenienza ma non come chiusura mentale e intolleranza. Zaia e la lega, Capanna, le Coop, Pecoraro Scanio, Polverini e Letta. Un fronte molto spostato a destra ma su un tema caro anche a aparte della sinistra.
    e un fronte di totale conservazione senza motivo (tenderei a escludere la coop, perché penso ragioni in base alla percezione dei suoi consumatori).
    sarebbe ora di fare un po’ di chiarezza sugli ogm e iniziare a far capire che non sono il male assoluto. certo che in mezzo alla disinformazione in cui viviamo sarà dura…

  2. grazie chiara dell’intervento e di introdurre parecchi temi ;)
    Provo a iniziare a discuterne un paio brevemente (poi magari si può approfondire …)

    1) sugli OGM: sono d’accordo con Lucio, c’è un’ignoranza enorme in giro. Questo autunno negli USA ho partecipato ad una cena/dibattito proprio sull’argomento. E alla fine un problema cruciale è l’ignoranza scientifica di larga parte della popolazione, anche quella istruita. C’è come un’aura di mistero sulla materia che forma i cibi, come se fossimo ancora nei secoli in cui si pensava che gli esseri “viventi” avessero un qualcosa di misterioso che li distinguesse ontologicamente dalla materia altra. Perché se ci pensiamo, tutti siamo geneticamente modificati. Perché una pianta o un pesce che siano geneticamente modificati o no, sono composti dagli stessi atomi che si arrangiano a formare gli stessi amminoacidi, le stesse basi azotate, le stesse vitamine. Perché l’agricoltura sin dagli albori nasce come esperimenti di modificazioni genetiche. Una volta si facevano negli orti, nei fienili, nei campi e nelle stalle, ora alcuni si fanno in un laboratorio. Cambia qualcosa? Mi preoccuperei più dell’inquinamento da metalli pesanti per la salute dei consumatori che per la soia OGM.

    2) Riguardo il “creazionismo” si paga il problema che “teoria” ha un significato diverso nel linguaggio comune e nella scienza. Per cui una “teoria scientifica” non è un’opinione. Non è neanche, sia ben inteso, qualcosa per sempre scolpito nel marmo, ma qualcosa di umano e rigoroso al tempo stesso. Quindi “democratico”, non nel senso che chiunque si può alzare e dire la prima cosa che gli passa in mente, ma che non ci sono “pensieri immodificabili”.

    E mi fermo ché su entrambe le cose “il margine di questo foglio è troppo piccolo” per poter dire compiutamente qualcosa.

  3. Raoul

    Bel post Chiara, una vicenda che e’ tutta un programma

  4. Aggiungo una osservazione dal lato “energia”. Come sapete, l’agricoltura moderna è basata largamente sul petrolio. E le tensioni di prezzo sul mercato del petrolio (sempre più inevitabili per via della scarsità di offerta in tempi di picco) sono la causa di tragici e pericolosi aumenti nei costi degli alimenti – motivo di carestie e disastri e dell’impoverimento dei contadini nei paesi poveri.
    Ecco, sarebbe molto meglio aver paura di una agricoltura organizzata secondo un modello energetico insostenibile nel medio periodo, piuttosto che aver paura degli OGM che invece, forse, utilizzati a braccetto dell’agricoltura biologica, potrebbero essere un vera salvezza.

    (oh, ho detto OGM a braccetto dell’agricoltura biologica, e non è affatto un ossimoro:-))

  5. marcolino

    non è che uno vuole sempre far dietrologia eh…

    però:

    alemanno & capanna, polverini & vendola…il tutto con la benedizione di gianni letta…per una campagna anti OGM….

    non è che niente niente c’entra il vaticano eh…nooooooo, figurarsi…..guai a parlare di ciò in casa PD…..

  6. @marcolino: qui non siamo mica in “casa PD” e nessuno (e tantomeno Chiara) ha un timore reverenziale verso il vaticano.
    Però due cose: 1) non è mai stata una casa “dietrologica” e 2) il problema non è tanto se ci sia il vaticano dietro o meno ma quanto la cultura pseudo-scientifica (che è dietro paradossalmente anche alla cultura dietrologica e del complotto) stia prendendo sempre più piede nella società.

  7. UBUOGM
  8. andrea

    Che poi con gli innesti delle piante di organismi geneticamente modificati e’ un pezzo che li mangiamo

Trackbacks / Pings

Lascia un commento

Current ye@r *

Subscribe without commenting